Negozi di lana : 6 consigli per avere successo

Il negozio di lana ideale – parte prima

Durante le fiere a cui partecipiamo e parlando con le negozianti che vendono i nostri prodotti e le loro clienti, ho spesso sentito parlare del negozio di filati ideale.

Eccovi, in un post scherzoso ma non troppo, cosa mi hanno detto.

Faccio una piccola premessa dicendo che il nostro mestiere è molto particolare, il cliente deve essere invogliato a creare perchè non stai vendendo un pacchetto di sigarette o il pane .

 

Via le ragnatele da quella vetrina!

 

ragnatele nelle vetrine dei negozi di lana

 

Quando un potenziale cliente passa davanti al vostro negozio inizia a giudicare l’acquisto. La prima impressione ce l’ha dalla vetrina. Per renderla più accattivante, oltre a tenerla bella pulita, cambiatela più volte durante l’anno e proponete vetrine a tema in procinto di feste o cambi di stagione.

 

Allo stesso modo, tenete in ordine il negozio. Il lavoro porta ad avere montagne di gomitoli sul tavolo a fine giornata… ma il cliente successivo potrebbe essere scoraggiato dal disordine.

 

Non lasciate gli scaffali semivuoti. Dà la sensazione alla cliente di una prossima chiusura! Magari avete solo venduto tanta merce e state aspettando la nuova fornitura.

 

Esponete dei campioni dei filati che acquistate. Ricordatevi che è difficile per molti clienti capire dal gomitolo il risultato finale.

 

Esponete modelli realizzati con i filati che avete in negozio. A volte, per vendere dei filati, si cerca di proporre filati simili a quelli utilizzati nelle riviste o modelli trovati sul web. Un filato, per quanto simile, non sarà mai uguale a quello originale. Rischiate di avventurarvi in un’avventura senza ritorno e ovviamente la perdita del cliente è quasi assicurata. Neanche un perito tessile preparato è in grado di fare una cosa del genere!

 

Non ringhiate alle / ai clienti!

 

 

È normale, vendendo dei “semilavorati”, che le creative /creativi facciano decine di domande per poter realizzare la propria idea, quindi armatevi di pazienza e siate cortesi e gentili. Un negozio vende la sua professionalità insieme ai gomitoli, rispondendo alle domande, dimostrerete la vostra competenza e la clientela sarà invogliata a tornare.

 

Quando avete la fila in negozio, chi aspetta si spazientisce e se ne va se vi dilungate a chiacchierare di cose che esulano dal lavoro. Magari quella persona è quella che vuole farsi in cappotto in puro cashmere e ne vuole acquistare 3 kg! Dedicate la vostra attenzione a chi entra in negozio o sta aspettando, anche solo dicendo “sarò da lei tra pochi istanti”, in modo che la clientela si senta seguita e non trascurata.

 

Indossate modelli realizzati da voi con i vostri filati, non trascurate il vostro abbigliamento. La ciabattina con la tuta relax potrebbe dare l’impressione di non avere l’autorità di consigliare prodotti legati allo stile o alla moda corrente.

 

Coccolate la clientela e siate dirette

offri un caffè nel tuo negozio di lana

 

Non cercate di piazzare merce invenduta alle clienti. Se il cliente è alla ricerca del prezzo più basso sarà lui stesso a chiedere le offerte.

Offrite alle vostre clienti generi di conforto in maniera da “predisporle” in modo positivo per il prossimo acquisto.

Proponete alle clienti le tessere fedeltà, per fidelizzarle. Magari offrendo un gomitolo omaggio ogni tot di gomitoli acquistati o uno sconto sull’acquisto successivo. Banale, ma funziona !

 

Create un rapporto costruttivo con i clienti

collabora con le tue clienti

 

Chiedete (sempre se non c’è la fila) se sarebbero contenti se organizzaste dei corsi chiamando, magari, delle creative esperte di maglia che possano insegnare tecniche nuove e farle interessare ad altri prodotti che avete in negozio. Ricordate che non vendete sigarette!

 

Rispettate il VOSTRO orario

 

Ricordati del tuo orario

 

Capita di trovare persone che vi aspettano? Se non ce la fate, riducete l’orario di lavoro, ma rispettate i vostri clienti e voi stesse, oppure presto sarete stressate e inizierete a odiare il vostro lavoro.

 

Dulcis in fundo

Sai lavorare a maglia ?

 

L’ultimo, ma a mio avviso il più importante per la vostra attività, dovete saper lavorare a maglia e/o uncinetto. Primo perchè così sarete in grado di proporre ai vostri clienti dei prodotti realizzati, secondo perché sarete in grado di valutare meglio l’acquisto dei  filati, infine saprete se le creative che vi si propongono “millantano di saper creare” o realmente hanno basi tecniche per poter insegnare alle vostre clienti.

 

Alice Twain , esperta di maglia e autrice del libro “Ai ferri corti” e  Veruska Sabucco specialista di uncinetto  , entrambe co-redattrici di www.maglia-uncinetto.it  sono apprezzate per la loro competenza e professionalità.

Organizzano corsi di maglia e uncinetto nei migliori negozi di lana

Alice Twain: alicetwain@gmail.com https://ferricorti.com/

Veruska Sabucco : veruska@happysloth.it  http://www.happysloth.it/

 

Massimo Signori, che sarei io, lavora nel settore da quasi 30 anni e, se avete un negozio, potete fissare con un appuntamento per vedere il campionario dei filati inviando una richiesta a info@borgodepazzi.com

Le immagini sono tratte da Pixabay

Le nostre novità filati per l’estate

I cataloghi delle nostre collezioni filati

negozio di lana a milano con i nostri filati ? Puoi acquistarli da Lanadimiele

 

 

Print Friendly, PDF & Email